Recensioni e consigli libri MARZO 2022 #recensionilibri

Per i consigli di lettura di questo mese, voglio parlarvi di “Diritto di Sangue”,  di Gigi Paoli, edito da Giunti. L’autore ci regala un nuovo capitolo, che vede come protagonista il giornalista del “Nuovo”, Carlo Alberto Marchi, con un intreccio intenso, che tiene col fiato sospeso il lettore. Devo dire che questo romanzo mi è piaciuto un sacco e l’ho divorato in pochissimi giorni. Marchi, a seguito dell’incidente avuto proprio al Palazzo di Giustizia di Firenze, da lui soprannominato “Gotham”, è in malattia e continua a sostenere fisioterapie per rimettersi in piedi. Accompagnano le sue giornate le stampelle per camminare, un fischio nell’orecchio che non se ne vuole andare e le pasticche di Fentanyl per sopportare il dolore. Ma la cronaca giudiziaria del Nuovo ha bisogno del suo aiuto. Il paninaro notturno delle Cascine è stato ucciso e sembra coinvolto in altre misteriose morti che riportano a galla un evento del 31.12.1999 a cui la vita di Marchi è strettamente legata. Non è il giornalista ora che viene fuori, ma l’uomo profondamente provato da un dolore immenso. Ritroviamo a investigare il procuratore Loi, il capo della Squadra Mobile Settesanti, il questore Frangione e il capo della Digos Nocera. Poi, non può mancare l’amico giornalista, detto l’artista, Della Robbia, a riempire le pagine del Nuovo, la figlia Donata che ormai è un’adolescente che sta crescendo e la fidanzata Olga, tornata da lui a seguito dell’incidente. Marchi, però, non può stare fermo: l’ombra delle Brigate Rosse colora gli incubi degli investigatori, che brancolano in un labirinto, con pochissimi spiragli di luce, alla ricerca di una via d’uscita verso la verità. Anche il giornalista cerca la verità, che, con la sua forza, verrà a galla, portando con sé il dolore di tutte le persone coinvolte. Un libro che merita di essere letto. Ben ricostruito ove niente è lasciato al caso. Firenze diventa nuovamente un’oscura passerella che gocce di sangue e lacrime bagnano fino a un finale tutto da leggere. Voto 4,5 su 5

Non posso non parlarvi de “La mascella di Caino. Il puzzle letterario più diabolico del mondo”, di Torquemada, edito da Mondadori, un libro che sta spopolando su TikTok. Inedito, un puzzle per ricostruire sei assassini e sei vittime. Nel 1934, l’enigmista Edward Powys Mathers, nonché cruciverbista dell’“Observer”, proprio sotto lo pseudonimo del temibile inquisitore Torquemada, pubblica un enigma letterario: 100 pagine stampate non consequenziali che il lettore, per risolvere il caso, deve tagliare e mettere nel giusto ordine per risolvere questo enigma diabolico. “La mascella di Caino” è una vera e propria sfida, che vede il lettore coinvolto in prima persona. Chi accetta la gara? Voto 4.5 su 5.

Altro romanzo che consiglio è “La falena e la fiamma” di Roberto Costantini, edito da Longanesi. Un libro bello e scritto benissimo. La capacità di Costantini è quella di portarti in un altro mondo, completamente avvolto dalla storia che narra. L’autore dopo il ciclo di Michele Balestrieri ci ha fatto conoscere la protagonista già nei precedenti romanzi “Una donna normale” e “Una donna in guerra”. Lei è Aba Abate: una donna, una madre, una moglie che vive nella menzogna, poiché è un funzionario dei servizi segreti. Ritroviamo la protagonista ventenne, studentessa universitaria combattere con il padre, il generale Adelmo Abate, che l’ha cresciuta senza madre. L’ha abituata a crescere con la sua mentalità di servitore dello stato, per cui non tutto può venire alla luce. Aba partirà per Tripoli; la sua vita è legata, come in una scacchiera, alle mosse delle altre pedine e accanto a lei c’è Johnny. Ma qual è davvero la sua storia? Anche Aba mente, sapendo di mentire, nella consapevolezza di fare qualcosa di buono per il suo paese. Lei è la falena, lui è la fiamma. Romanzo che merita di essere letto. Il personaggio di Aba mi piace molto. È una donna forte e fragile allo stesso tempo. Sa nascondere le sue emozioni, perché mente dapprima a se stessa. Ma, prima o poi, occorre fare i conti con la realtà e con la verità. Ci si può nascondere per sempre? Da leggere! Voto 4,5 su 5

RUltimo libro che vi racconto è “Fabbricante di lacrime” di Erin Doom, edito da Magazzini Salani. Incuriosita dalle recensioni positive, ho deciso di leggere questo libro. Diciamo che l’autrice – che ha fatto i suoi esordi sulla piattaforma Wattpad – non delude. Il libro è scritto molto bene, scorre fino alla fine e regala emozioni. Nica è cresciuta in un orfanotrofio e conosce il dolore e l’abbandono. Ma ci sarà spazio per altro a motivo del suo incontro – scontro con Rigel. I sentimenti sono ben descritti, facendo emergere gli stati d’animo dei protagonisti e coinvolgendo il lettore. È un libro che non lascia indifferenti. Sullo sfondo, la Leggenda del Fabbricante di Lacrime che, con le sue mani di artigiano, ha forgiato le paure e le angosce dell’uomo. Il fabbricante possiede occhi chiari come il vetro, dai quali non si può scappare. Assolutamente da leggere! Voto 4,5 su 5.

Tra follia e sacro: l’altra verità di Alda Merini

La classifica dei libri del mese (marzo 2021):

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: